logo

Carnevale – Il Vecchio

In alcuni paesi della Calabria capita ancora oggi di trovare delle singolari maschere di carnevale. C'è ancora traccia di quella che, per almeno un ventennio, è stata una moda tra i ragazzi che frequentavano le scuole medie: il vestirsi da “vecchio”. La maschera del “vecchio” nelle Serre, nell’immaginario comune, è rappresentata da chi veste il giaccone che i padri utilizzano in campagna, gli stivali per lavorare la terra, la camicia in flanella, ma anche una tuta da meccanico o qualsiasi cosa possa mascherare la propria identità con vestiti riutilizzati, magari destinati alla spazzatura. Fondamentale è un bastone improvvisato, che regge l’andatura claudicante del mascherato, incline a gettarsi a sorpresa ai piedi di qualche passante, suscitando ironia ma anche spavento. La cosa fondamentale è non essere riconosciuti dagli altri. Un bastone, una zappa, una vanga fanno dunque da corredo all’improvvisato travestimento con cui i ragazzi si organizzano per divertirsi e metter paura, spaventandosi finanche tra loro. Negli ultimi anni hanno invaso le strade le maschere completamente bianche che assolvono alla stessa funzione. Il reportage è stato realizzato tra Soriano Calabro e Serra San Bruno negli anni 2015- 2016.